Wimbledon 2021: curiosità tra finzione e realtà sul film Borg McEnroe in promozione

Nel 2017 Janus Metz Pedersen dirige Borg McEnroe, il film che MioCinema ripropone dal 9 all’11 Luglio in occasione del Wimbledon 2021. Gli appassionati di tennis, ma anche gli amanti dei film che celebrano lo spirito sportivo non possono lasciarsi scappare questa occasione.

Borg McEnroe racconta l’indimenticabile finale di Wimbledon del 1980, la sfida tra John McEnroe e Bjorn Borg, i due migliori tennisti della storia interpretati da Shia LaBeouf e Sverrir Gudnason.

Il regista scava nella psicologia di questi due campioni estremamente diversi per personalità, temperamento e stile di gioco. Un biopic intimo avvincente ed emozionante che cattura l’anima combattiva e stoica di un interminabile tie-break al quarto set che ha fermato il mondo intero, non solo quello sportivo. Di seguito alcune curiosità tra realtà e finzione sul film.

John McEnroe

Il tennista professionista, genio e sregolatezza americano, ha avuto diversi pseudonimi durante la sua carriera di tennista, come “Superbrat” o “Johnny Mac”. Ha concluso la sua carriera con 77 titoli in singolo e 78 titoli in doppio, e detiene questo record ancora oggi.

Per prepararsi a interpretare McEnroe, Shia LaBeouf ha dovuto perdere un po’ di massa muscolare e memorizzare 35-30 duelli sul campo da tennis. Considerato una mina vagante nel mondo del tennis degli anni 70, il personaggio non è molto diverso dal giovane attore che fa spesso parlare di sé per le sue azioni sopra le righe fuori dal set.

Bjorn Borg

Il tennista ex numero 1 e primo uomo a vincere 11 singoli del Grande Slam con cinque vittorie consecutive a Wimbledon. L’ultimo scontro è stato con McEnroe alla finale di Wimbledon del 1980 che racconta il film.

Dopo essere diventato il primo tennista a guadagnare più di un milione di dollari in sponsorizzazioni, Borg si è ritirato a soli 26 anni per poi tornare in campo nei primi anni ’90, ma senza raggiungere lo stesso successo.

Per prepararsi al ruolo l’attore svedese Sverrir Gudnason ha giocato a tennis due ore al giorno con un allenatore e ha fatto sette pasti al giorno, oltre ad aver guardato una serie di video per rifare la camminata e le mosse reali del tennista dai lunghi capelli biondi soprannominato “Uomo di ghiaccio”. Nel film Leo Borg, il vero figlio di Bjorn interpreta il ruolo di suo padre da piccolo.

Finale del torneo di Wimbledon del 1980

Il cosiddetto “The Match” si disputò dal 24 Giugno al 6 Luglio del 1980 e si trattava della 94esima edizione del torneo, il più prestigioso del mondo del tennis che fa parte del Grande Slam insieme agli US Open, gli Austrialian Open e il Roland Garros.

Era la prima volta che i due disputavano una partita in un torneo del Grande Slam e in finale. Ci sono volute quattro ore di partita per la vittoria di Borg, con sette match point annullati. 

Borg vs McEnroe nella realtà

Bjorn Borg e John McEnroe si sfidarono per un totale di 14 incontri tra il 1978 e il 1981 con uno score in parità di 7 a 7, ma Wimbledon del 1980 è l’unica volta che Borg ha battuto McEnroe in una finale di Grande Slam. 

Dietro le quinte del film

Parte delle riprese sono state realizzate nella cittadina di Sodertalje, paese natale di Borg dove ha iniziato anche a usare la racchetta. La troupe poi si è spostata tra Svezia, Praga, Repubblica Cena, Londra e Principato di Monaco.

I giocatori finlandesi Jarkko Nieminen e Veli Paloheimo hanno allenato gli attori prima delle riprese. Questo film è la prima volta che Stellan Skarsgard partecipa a una produzione svedese dai tempi di Arn: L’Ultimo Cavaliere e Arn: Riket vid vagens slut.