Maledetta Primavera: su MioCinema in prima visione il film di Elisa Amoruso

“Voglia di stringersi e poi…”

Dopo Bellissime e il documentario Chiara Ferragni – Unposted, la regista italiana Elisa Amoruso dirige Maledetta Primavera che è disponibile in prima visione su MioCinema.

Emma Fasano è Nina, una adolescente costretta a trasferirsi con la famiglia nella periferia di Roma. Non è felice di questo cambiamento, soprattutto perchè la vita in città è diversa dalla realtà immersa nella natura e nel silenzio che ha condotto fino a quel momento. E la condizione familiare non è di grande supporto visto il fratello problematico e il padre poco affidabile. 

Tuttavia le cose cambiano quando Nina incontra Sirlei, una coetanea di origine brasiliana che frequenta la sua stessa scuola e abita vicino a lei. Tra le due nasce un rapporto di complicità e affetto che aiuta entrambe a sentirsi parte del mondo e più padrone della loro vita.

Maledetta Primavera è una storia di formazione ambientata tra la fine degli anni 80 e l’inizio degli anni 90. Si percepisce l’ispirazione della regista che viene dalla sua vita personale quando con la famiglia si è trasferita dal centro di Roma alla periferia stravolgendo la sua quotidianità. 

Mette in scena una storia intima ed emozionante che coinvolge soprattutto grazie alle carismatiche interpretazioni di Micaela Ramazzotti nei panni di una mamma affettuosa e stralunata che deve cavarsela da sola e le giovani attrici, naturali e magnetiche, Emma Fasano e Manon Bresch.

E la partecipazione di Giampaolo Morelli, un uomo egoista e poco presente che non riesce a prendersi cura della sua famiglia creando disordine e malcontento.

Si parla di relazioni interpersonali, della scoperta dell’amore adolescenziale, del rapporto madre-figlia, analizzando dinamiche familiari nella vita di tutti i giorni. Ma c’è anche il tema della tolleranza con il legame tra Nina e Sirlai considerato “un amore diverso” tra i banchi di scuola e nel quartiere popolare in cui vivono.

Maledetta Primavera è un omaggio agli alti e bassi della vita che fa piangere e ridere, mette alla prova e premia, sorprende e delude. Tutti i personaggi affrontano le esperienze a modo loro, tra discussioni e abbracci, continuando ad andare avanti, in un clima di colori e temperature di una calda estate.

Il confine tra infanzia e adolescenza, l’amore romantico e razionale, guidano la sceneggiatura di questo film in cui convivono dramma e commedia. Da vedere.